How to taste in Italy wonderful flavours and not go bankrupt? Our answer to crisis - the smart choice. Guide (car + enterpreter) accompanies you. Project don't makes the advertising, don't take $ from suppliers of goods and services. Blogger makes his personal opinion and acts for your interests

martedì 10 ottobre 2017

La visita al Frantoio Venturino Bartolomeo a Diano San Pietro (Liguria). Olive taggiasche piccole ma grandi

Alcuni esempi della produzione del Frantoio Venturino
Sulla  Riviera ligure di Ponente ci siamo stati diverse volte e di specialità liguri ne abbiamo parlato spesso. Le particolarità climatiche di questa zona permettono lo sviluppo di  prodotti molto apprezzati e particolari, uno tra questi lo possiamo definire unico al mondo.

In Liguria si sta bene, ma dopo un po’di dolce far niente il desiderio di muoversi per approfondire aspetti della gastronomia locale si fa sentire, ed essendo in provincia di Imperia perché non approfondire la conoscenza di una “piccola” eccellenza della cultura agroalimentare ligure?

Piccola ma allo stesso tempo grande per le sue proprietà. Prendendo l'aperitivo in Liguria non manca mai tra gli stuzzichini offerti e spesso è componente di diversi piatti della tradizione ligure. Vanta 1300 anni di storia, il culmine lo raggiunge dando vita ad un olio extravergine delicato e fruttato a bassa acidità, è l’oliva Taggiasca. Prende il nome Taggiasca dal suo luogo di origine, Taggia, dove è stata introdotta dai monaci dell’ordine dei Colombani provenienti dalla Provenza.

giovedì 21 settembre 2017

A tavola con Antony — campione del mondo 1997 | За столом с Энтони - чемпионом мира 1997 г.

Uno dei riconoscimenti
 https://mondodivinoit.blogspot.com/2017/09/a-tavola-con-antony-campione-del-mondo.html#rus
Russian
Pochi ingredienti ben selezionati miscelati e dosati permettono di ottenere un prodotto di notevole qualità, la pizza. Quel che fa la differenza in qualità e sapore sono l’impasto (farina, acqua, lievito) e senza dubbio i tempi di lievitazione. Così come la conosciamo noi è nata nel lontano 1889 quando il cuoco napoletano Raffaele Esposito creò la pizza Margherita in onore della Regina Margherita di Savoia.

Anni addietro si faceva in fretta a dire “mangiamo una pizza” la scelta ricadeva tra chi la cuoceva nel forno a legna o elettrico e almeno a Torino tra chi la serviva al padellino o al mattone. Oggi la pizza non è più un cibo “povero” ma gustoso, è diventata un vero mito gastronomico coinvolgendo rinomati chef e mastri pizzaioli nel valorizzare ancor di più questo prodotto.

Avete mai sentito parlare di campionati mondiali di pizza? La pizza preparata da uno di questi mastri pizzaioli è effettivamente migliore di quella che possiamo gustare nella nostra abituale pizzeria o nella pizzeria consigliata dall’amico? Una pizza che ha ottenuto un riconoscimento a livello mondiale ce la possiamo permettere?

sabato 9 settembre 2017

Le "delusioni" delle Cinque Terre

La Spezia, piazza Garibaldi
A volte le aspettative non hanno riscontro nella realtà, se i diretti interessati siamo noi ce ne facciamo una ragione e tiriamo avanti, ma se vengono coinvolte terze persone ci dispiace ancora di più. 

Durante la nostra visita alle Cinque Terre, da Porto Venere, passando dal Golfo dei Poeti, per arrivare a Monterosso abbiamo avuto modo di ammirare esempi di architettura, scorci naturalistici davvero interessanti, e di addentrarci nella ricettività turistica. Ma la ricettività turistica è davvero come ci viene descritta? Come guida e conduttore di WGG alcuni esempi di ricettività li ho voluti verificare personalmente.

mercoledì 30 agosto 2017

Cinque Terre. Vernazza sorprende i viaggiatori affamati

Il suo nome ci ricorda un vino, ed è uno dei borghi più belli d'Italia, scopriamolo insieme.

Il borgo sorge su di un piccolo promontorio che si inserisce nel mare, siamo nelle Cinque Terre- inserite come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1997 - Riviera Ligure orientale in provincia di La Spezia, precisamente a Vernazza. 

Senza nulla togliere agli altri borghi delle Cinque Terre, Vernazza con poco più di 800 abitanti è considerato uno dei più belli e caratteristici borghi d’Italia, grazie anche all’insenatura naturale che rende il suo porticciolo un sicuro approdo fin dai tempi delle Repubbliche Marinare.

giovedì 17 agosto 2017

Mangiare bene aiutando il nostro prossimo. 51^ Sagra delle Costine a San Bartolomeo al Mare | Хороший ужин как помощь ближнему. 51-й Фестиваль Свиных Рёбрышек в Лигурии

 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/04/fiori-eduli-in-cucina.html#rus
Russian
Mangiando bene si può aiutare il nostro prossimo. Come? Vediamo insieme la ricetta vincente.

La tradizionale “Sagra delle Costine alla Brace” ha inizio. È il 4 agosto 2017, per tre serate i palati dei turisti, dei locali e di chi di passaggio è attirato ed incuriosito dalla locandina, saranno deliziati dalle costine alla brace e da diversi piatti tipici della Riviera Ligure di Ponente.

mercoledì 17 maggio 2017

La Star del Mar Ligure. Acciuga o Alice, buona salutare ed economica | Звезда лигурийского побережья. Килька вкусная, полезная и доступная

Celle Ligure 9 e 10 giugno 2017
 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/05/la-star-del-mar-ligure-acciuga-o-alice.html#rus
Russian
Come sempre alla ricerca di nuovi siti che possano offrire una buona ospitalità turistica e un'utilità dal punto di vista culturale ed economico "approdiamo" a Celle Ligure in provincia di Savona. Una delle principali località turistiche della Riviera Ligure di Ponente, che con le sue spiagge ed i suoi hotel accoglie bene i turisti e pensa anche al loro intrattenimento con numerosi eventi e manifestazioni.

Abiamo visto le scorse settimane "Vin per Focaccia" e ritornando in tema Street Food, perchè non rifare una capatina a Celle ligure questa volta alla scoperta non solo di focaccia, ma di cibi prettamente liguri. Vista la stagione è un modo simpatico per dare il benvenuto all'estate, partecipando alla quinta edizione di "Acciugalonga", manifestazione dedicata interamente alla Star del Mar Ligure, l'acciuga.

domenica 30 aprile 2017

Street Food: un metodo perfetto per assaggiare in Italia le meraviglie della gastronomia e non andare in bancarotta | Уличная еда - идеальный способ попробовать много вкусностей в Италии и не обанкротиться

Cartoccio di fritto misto a Slow Fish Genova (c)
 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/04/street-food-un-metodo-perfetto-per.html#rus
Russian
Seguendo il pensiero che ha ispirato il progetto WGG, cioè ottenere sempre un buon rapporto qualità/prezzo, ritengo opportuno parlare di Street Food. Probabilmente molti ritengono che si tratti di un fenomeno di tendenza o moda, ma alle spalle di questo tipo di ristorazione c’è un accurata ricerca di vecchie tradizioni culinarie regionali.

Lo Street Food fa parte di quel fenomeno chiamato “cibo informale” che ci permette di mangiare in maniera più rapida e meno costosa rispetto ad un ristorante. Utilizzando materie prime considerate “povere” vengono rispolverati e proposti piatti della tradizione italiana oggi non più preparati o quasi introvabili nei menù della classica ristorazione.

lunedì 10 aprile 2017

Fiori Eduli in Cucina – un ritorno alle origini | Съедобные цветы в кулинарии – возвращение к истокам


 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/04/fiori-eduli-in-cucina.html#rus
Russian
Chi di noi non ha un fiore in cucina? Credo e spero siano pochi. Chi dedica il suo tempo tra i fornelli preparando pietanze appetitose per rifocillare e soddisfare il corpo ed i sensi dei suoi cari, è da considerare come il "fiore" della casa.

Oggi però vi voglio parlare di un altro tipo di fiore, i fiori eduli, che possiamo inserire nei nostri piatti e consumare tranquillamente. I fiori commestibili sono ricchi di sostanze minerali, ad esempio viole, garofani e crisantemi sono ricchi di potassio, inoltre contengono flavonoidi e carotenoidi che ne determinano il colore. Alcuni sono speziati, altri fragranti o dal sapore erbaceo.

martedì 14 marzo 2017

Wine Gastronomic Guide

Gentili followers! Nell'intento di migliorare il lavoro di ricerca in campo enogastronomico, vi chiedo gentilmente dopo aver visionato l'articolo ed avendolo trovato di vostro interesse di apporre il vostro "mi piace" sulla pagina WGG. Ciò mi permetterà, vedendo il vostro interesse, di condurre il blog con più forza ed entusiasmo, ponendo più attenzione alle tematiche di vostro interesse.

Дорогие подписчики! Дабы сделать мой проект-следопыт лучше, прошу вас поставить Like FB-странице Wine Gastronomic Guide, если вам показались интересными тема и отдельные материалы блога. Это позволит мне вести проект с бòльшим энтузиазмом; понимая ваши предпочтения, уделять внимание тому, что интересно вам.

sabato 11 marzo 2017

Incontri Ravvicinati. Attenzione al cinghiale | Вот это встречи! Внимание, кабан

 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/03/incontri-ravvicinati-cinghiale.html#rus
Russian
Nelle città che comprendono aree collinari o montuose non è più un caso raro imbattersi in un cinghiale. Questi animali fino agli anni sessanta non erano un problema, poi lo spopolamento delle campagne e l'introduzione di esemplari — per la caccia — dall'estero, hanno causato una crescita esponenziale di questi ungulati.

Anche a me è capitato di incontrare questi animali allo stato brado, fortunatamente a debita distanza, e devo ammettere che un pò di timore lo incutono. Gli incontri più ravvicinati che ho avuto con il cinghiale, non me ne vogliano gli animalisti, sono stati sotto forma di ragù o di spezzatino e vi assicuro che li ho preferiti di gran lunga.

sabato 11 febbraio 2017

La Sardegna e i suoi vini | Сардиния и её вина

Foto da >>
 http://mondodivinoit.blogspot.com/2017/02/la-sardegna-e-i-suoi-vini.html#rus
Russian
Dedico questo articolo
agli amici sardi e particolarmente
Marco Loi e Roberto Pusole

Uno dei miei primi post pubblicati su F.B. riguardava proprio un vino sardo, ricordo che riscosse un buon numero di "mi piace" messi da estimatori di questo prodotto.

Quando siamo in giro per sagre e feste riguardanti la gastronomia italiana, ho notato che i vini proposti (in abbinamento alle preparazioni gastronomiche offerte) sono rigorosamente regionali o al massimo provenienti dalle regioni confinanti. Questo è più che nornale e legittimo trovandoci in fiere che promuovono il prodotto locale. Mentre nelle manifestazioni a livello nazionale tipo Slow Food, la carta dei vini propone bianchi, rossi, rosè, vini dolci e "bollicine" provenienti da tutta Italia.

Sfogliando la carta dei vini dell'ultima edizione di Terra Madre 2016 apprendo con piacere che sono proposte in degustazione oltre 800 etichette italiane, ma è con rammarico che mi accorgo che i vini sardi sono poco presenti. Eppure la Sardegna vanta una tradizione vitivinicola millenaria e ad oggi si contano ben 19 D.O.C., un D.O.C.G. e numerosi I.G.T. (fonte Wikipedia).

Parlando con chi ha visitato la Sardegna mi viene spontaneo chiedere cosa ha apprezzato di più dell'isola. Si finisce col parlare di spiagge, mare, sole e per quanto riguarda l'offerta enologica ricordano con entusiasmo il Cannonau ed il Vermentino. E gli altri vini? Non vengono presi in considerazione o non vengono proposti.